TERRA al cubo – abitare il futuro

Dal 5 al 10 settembre 2021, in occasione della Milano Design Week, nei Chiostri dell’Umanitaria, ISIA Faenza presenta la mostra TERRA al cubo – abitare il futuro, una mostra che nasce da tre anni di ricerca sull’ecodesign della casa del futuro con indagini mirate a nuove possibili forme di convivenza con la terra, intesa come luogo dove abitare, come nutrimento e materia da lavorare attraverso l’arte della ceramica, è anche ciò che lega Faenza al proprio genius loci. L’esposizione è concepita come un trittico di esperienze con oggetti e arredi progettati dagli studenti dei Biennio Specialistico in Design del Prodotto e Progettazione con Materiali Ceramici e Innovativi e il Biennio Specialistico in Design della Comunicazione di ISIA Faenza. 

EARTHz comprende attrezzi per coltivare la terra, protesi-contenitori da indossare per il contenimento e la riserva di cibo, utensili in ceramica 3D di nuova generazione per la raccolta dell’acqua, la sua depurazione e la conservazione alimentare. Oggetti che funzionano anche in assenza di energia grazie a materiali ceramici potenziati con nano-materiali.

Nomadism progetta micro-unità abitative, trasportabili e facilmente scomponibili. I “Cocoon” sono gusci funzionali realizzati con materiali di recupero, polimeri, tessuti intelligenti, biomateriali e nanoceramiche. La preziosa eredità custodita dal Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza è fonte di ispirazione per il design della collezione di contenitori “Faventia_Upgrade”. 

Community si focalizza sull’ambiente di lavoro contemporaneo, co-working o da remoto, in spazi condivisi e flessibilii. Tramite l’adesione al ClustER Regionale Emilia Romagna Industrie culturali e Creative, l’ISIA di Faenza ha svolto in collaborazione con l’azienda specializzata Methis una ricerca sperimentale orientata ai futuri scenari possibili, tenendo in considerazione le attuali vicissitudini pandemiche. In una dimensione di convivenza in spazi chiusi, i giovani progettisti di ISIA Faenza hanno sviluppato anche l’innovativo progetto “Designer custodi dell’aria”, una serie di depuratori d’aria con filtri ceramici potenziati da nanomateriali, in collaborazione con il Centro Ricerche Ce.Ri.Col di Colorobbia.

#carlomarinoeuropeannewsagency

Published by historiolaeartis

Journalist http://kaarlo.marino.en-a.eu/partner_info/